IngleseFranceseSpagnolo

Esegui server | Ubuntu > | Fedora > |


Favicon di OnWorks

xtrace - Online nel cloud

Esegui xtrace nel provider di hosting gratuito OnWorks su Ubuntu Online, Fedora Online, emulatore online Windows o emulatore online MAC OS

Questo è il comando xtrace che può essere eseguito nel provider di hosting gratuito OnWorks utilizzando una delle nostre molteplici workstation online gratuite come Ubuntu Online, Fedora Online, emulatore online Windows o emulatore online MAC OS

PROGRAMMA:

NOME


xtrace - traccia la comunicazione tra client e server X11

SINOSSI


xtraccia [ Opzioni ] [ -s | -k ] [ [ -W ] [ -- ] command args ... ]

DESCRIZIONE


Xtrace simula un server X e inoltra tutte le connessioni a un server X reale, visualizzando il
comunicazione tra i clienti in forma leggibile (beh, teoricamente). Se un comando
viene data, xtraccia esegue il comando denominato con $VISUALIZZA impostato sul server X falso. Se
quel comando esce prima che vengano effettuate le connessioni, xtraccia esce immediatamente a meno che -W is
specificato.

VERSIONI


-I elenco
Guardare dentro elenco per i file di descrizione del protocollo. (cioè la directory in cui il
.proto file possono essere trovati).

-s | --stopquando finito (Default)
Termina quando tutti i client inoltrati si sono disconnessi. (O quando è stato eseguito un programma
una volta terminato il programma e chiuse tutte le connessioni).

-k | --continuare a correre
Se tutti i client si sono disconnessi, attendere la connessione di quelli nuovi.

-W | --waitforclient
Non fermarsi quando il programma avviato termina prima che sia stata stabilita una connessione.
(Potrebbe essere necessario se il programma esegue il fork in background).

-d Nome | --Schermo Nome
Inoltra le connessioni al server X specificato da Nome invece di quello specificato
dalla variabile d'ambiente DISPLAY.

-D Nome | --falso display Nome
Display falso Nome invece di $FALSO VISUALIZZAZIONE or :9 rispettivamente.

-f Nome del file | --file di autorizzazione Nome del file
Aggiungi un -f Nome del file agli argomenti per tutte le chiamate a xauth per ottenere il
token di autenticazione del server X a cui connettersi.

-F Nome del file | --newauthfile Nome del file
Aggiungi un -f Nome del file agli argomenti per tutte le chiamate a xauth per salvare il
token di autenticazione per connettersi al server X falso.

-c | --copyautenticazione (Default)
Copia i token di autenticazione per il server X a cui connettersi in modo che i client
la connessione al nostro server fasullo li utilizzerà.

I comandi eseguiti sono approssimativamente equivalenti a: xauth aggiungere $FALSO VISUALIZZAZIONE . `xauth stratagemma
$VISUALIZZA | awk '$2=="MIT-MAGIC-COOKIE-1" {Stampa $3}'`

Non solo MIT-MAGIC-COOKIE-1 i token vengono copiati poiché xtrace non è ancora supportato
per modificare i token di autenticazione in modo che XDM-AUTORIZZAZIONE-1 sarebbe possibile.

-n | --nocopyAuthentication
Non chiamare xauth e giocherellare con i token di autenticazione ma lasciarlo al
utente da gestire.

-e | --denyextensions
Modifica tutte le risposte del server per dire che non ci sono estensioni disponibili. (Come xtrace
supporta comunque solo un piccolo numero di estensioni e chiama tutte estese
richieste "sconosciute" e tutte le risposte a tali richieste "impreviste").

-w | --readwritedebug
Stampa quanti byte vengono letti e/o scritti quando.

-m contare | --maxklistlength contare
Stampa solo il primo contare molti elementi di tutte le liste.

-i | --interattivo
Richieste inviate dal client al server solo dopo la conferma interattiva.
La conferma viene data premendo invio o un numero seguito da invio tramite stdin.
Questo può dare risultati divertenti quando più client sono incanalati.

-o | --file di uscita Nome del file
Scarica l'output in Nome del file invece di stdout.

-b | --tamponato
Non scrivere ogni riga da sola, ma attendere che i buffer siano pieni. Velocizza
cose un po' quando si esegue l'output su un file. Non molto utili insieme
con -i.

--timestamp
Stampa un timestamp prima di ogni riga.

Si noti che l'ora in cui viene stampato un pacchetto è compresa tra l'ora in cui viene ricevuto un pacchetto e
l'ora in cui viene inviato un pacchetto, ma non fornisce altre informazioni.

--timestamp-relative
Stampa un timestamp relativo all'inizio della connessione prima di ogni riga.

Si noti che l'ora in cui viene stampato un pacchetto è compresa tra l'ora in cui viene ricevuto un pacchetto e
l'ora in cui viene inviato un pacchetto, ma non fornisce altre informazioni.

--monotonic-timestamp
Stampa un CLOCK_MONOTONIC (vedi orologio_gettime(3)) timestamp ogni volta che un pacco è
stampato. Questo è probabilmente il tempo di attività del tuo sistema.

Si noti che l'ora in cui viene stampato un pacchetto è compresa tra l'ora in cui viene ricevuto un pacchetto e
l'ora in cui viene inviato un pacchetto, ma non fornisce altre informazioni.

--offset di stampa
Stampa offset di tutti i campi (utile per eseguire il debug di elenchi nidificati nelle descrizioni dei protocolli)

--print-counts
Conteggi stampe (utile per eseguire il debug degli elenchi nelle descrizioni dei protocolli)

AMBIENTE VARIABILI


DISPLAY
Senza --Schermo il contenuto di questa variabile viene utilizzato per determinare il server a
connettersi a. (E senza -n Dato a xauth per ottenere i token di autenticazione per
questo display.)

FALSO DISPLAY
Senza --falso display il contenuto di questa variabile viene utilizzato per determinare come
ascolta i clienti. (E senza -n Dato a xauth per impostare i token di autenticazione
per questo display.) Se nessuno dei due è indicato, xtraccia proverò :9

XAUTORITÀ
Senza -n e senza -f or -F il tuo xauth il programma molto probabilmente esaminerà questo
variabile per il file per ottenere/salvare i token di autenticazione da/in. Se questo è
non impostato, molto probabilmente lo userà $ HOME/.Xauthority.

SEGNALAZIONE BUG


Segnala bug abrilink@debian.org> o il Debian BTS.

Usa xtrace online utilizzando i servizi onworks.net


Ad


Ad